La ricerca può richiedere diversi secondi.
Vi preghiamo di avere un attimo di pazienza.

   

Carico di base

Nel linguaggio settoriale, il consumo di elettricità nelle reti elettriche viene suddiviso in carico di base (energia di banda), carico medio e carico di punta. Il carico di base è la quantità di energia sotto la quale raramente si scende.

Torna su

 

Carico di punta

Quota del fabbisogno giornaliero d'elettricità che supera la richiesta del carico di base e del carico medio. I picchi di domanda di breve durata vengono coperti mediante centrali appositamente realizzate per la gestione dei carichi di punta; in Svizzera si tratta soprattutto di centrali di pompaggio e ad accumulazione.

Torna su

 

Carico medio

La quantità media di elettricità consumata durante il giorno quando la maggioranza degli impianti e degli apparecchi elettrici è in funzione.

Torna su

 

Centrale a biomassa

Produce corrente elettrica dalla biomassa. Si parla di una centrale termoelettrica a biomassa quando essa produce anche calore utile, per esempio per un impianto termico oppure per il riscaldamento di un edificio. Vengono considerati biomassa il cippato, il legname vecchio poco trattato, il liquame, il fango di depurazione, il compostabile e i materiali residui della produzione di generi alimentari.

Torna su

 

Centrale a carbone

Centrale termoelettrica. Con la combustione di lignite o carbone viene generato calore in una caldaia per trasformare l'acqua in vapore, che a sua volta aziona una turbina per la produzione di elettricità.

Torna su

 

Centrale ad acqua fluente

Anche centrale fluviale. Produce energia elettrica sfruttando il dislivello di un fiume. L’acqua dei fiumi viene condotta attraverso turbine che azionano dei generatori.

Torna su

 

Centrale di pompaggio

Mentre le centrali ad accumulazione producono corrente utilizzando la massa d’acqua raccolta in uno o più bacini appositi, le centrali di pompaggio vengono realizzate per il mantenimento di capacità di riserva. Dopo aver prodotto l’energia, l’acqua viene nuovamente pompata nel bacino di accumulazione e destinata a produrre altra corrente elettrica. Le pompe vengono azionate per lo più con corrente economica o in eccedenza.

Torna su

 

Centrale eolica

Impianto per ricavare energia elettrica dal vento. Si distinguono gli impianti in base alla loro collocazione all’interno, vicino alla costa o sul mare (off-shore).

Torna su

 

Centrale nucleare

Centrale termoelettrica. Mediante una fissione nucleare controllata, all’interno di un reattore viene prodotto calore per la produzione di vapore acqueo, che a sua volta aziona una turbina per la produzione di elettricità. In Svizzera vi sono le cinque centrali nucleari di Beznau I e II, Gösgen, Leibstadt e Mühleberg, che contribuiscono con il 40% alla produzione svizzera di elettricità.

Torna su

 

Consumo totale di energia

Consumo complessivo di energia per anno. Per motivi statistici e per facilitare i confronti, le fonti energetiche e l’energia elettrica vengono convertiti nell’unità di misura energetica joule. Il consumo totale di energia ammonta in Svizzera a quasi 900 000 terajoule ovvero 250 TWh.

Torna su

 

Efficienza energetica

Un effetto utile viene raggiunto con il minor utilizzo possibile di energia. Viene evitato il consumo inutile.

Torna su

 

Energia di banda

Il fabbisogno di base minimo richiesto quotidianamente da una rete di corrente. Il fabbisogno di energia di banda svizzero ammonta in estate a circa 6000 megawatt e in inverno a circa 8000 megawatt.

Torna su

 

Energia primaria

Energia così come si trova allo stato naturale: acqua, carbone, gas naturale, petrolio. È adatta solo in parte al consumo. L’energia secondaria si forma a seguito di un processo di trasformazione dall’energia primaria in una forma adeguata al consumo, ad esempio benzina e corrente elettrica. Con energia finale si designa l’energia utilizzata dai consumatori.

Torna su

 

Energia rinnovabile

Energie che, a differenza delle fonti energetiche fossili e dei combustibili nucleari, non si esauriscono a seguito dell’uso continuo, bensì si rinnovano. Nell’ambito elettrico, l’energia rinnovabile viene distinta in energia idroelettrica convenzionale e in «nuove energie rinnovabili» quali l’energia solare, il calore terrestre, la biomassa, il vento e anche le minicentrali idroelettriche.

Torna su

 

Energia solare

Nel linguaggio quotidiano, con energia solare si fa riferimento agli impianti solari fotovoltaici e termici. Gli impianti fotovoltaici producono corrente che può essere immessa nella rete elettrica. Gli impianti termici servono per la produzione di calore attraverso l’irraggiamento solare, per integrare l’impianto di riscaldamento centrale o produrre acqua calda. E sistono poi anche altre forme modificate di impianti solari.

Torna su

 

Etichettatura dell’elettricità

Vedi Fatti

Torna su

 

Fonti energetiche fossili

Petrolio, gas naturale, carbone. Queste miscele di idrocarburi si sono formate a seguito di processi di trasformazione geologici. Queste fonti coprono circa i due terzi del fabbisogno generale di energia svizzero.

Torna su

 

Garanzie di origine

Vedi Fatti

Torna su

 

Kilowatt

Il kilowatt è un’unità di misura della potenza. 1 watt = 1 joule/secondo (vedi anche kilowattora).

Torna su

 

Kilowattora

Il kilowattora (kWh) è un’unità di misura dell’energia elettrica. Un wattora è l’energia assorbita o ceduta in un’ora da una macchina con un watt di potenza. Il watt invece è un’unità di misura della potenza. 1 watt = 1 joule/secondo (vedere anche terawattora).

Torna su

 

Legge sull’approvvigionamento elettrico (LAEl)

Questa legge federale è entrata in vigore quasi integralmente nel 2008. I dettagli esecutivi sono indicati dall’Ordinanza sull’approvvigionamento elettrico (OAEl) emanata dal Consiglio federale.

Torna su

 

Minicentrali idroelettriche

Centrali idroelettriche con potenza elettrica inferiore a 10 megawatt. Esistono anche le micro-centrali, per esempio quelle ad acqua potabile.

Torna su

 

Mix elettrico

Totalità dell’energia elettrica messa a disposizione da parte di un parco centrali. Il mix varia da fornitore a fornitore e deve essere documentato all’utente finale con la dichiarazione di produzione.

Torna su

 

Pompa di calore

Macchina azionata elettricamente che tramite condensazione pompa il calore da un serbatoio a temperatura inferiore (per es. l’ambiente) a un livello di temperatura superiore (per es. per il riscaldamento di un locale).

Torna su

 

Rimunerazione a copertura dei costi per l'immissione in rete di energia elettrica (RIC)

Uno strumento della Confederazione avente lo scopo di promuovere la produzione di elettricità da fonti rinnovabili. La RIC copre la differenza fra il costo di produzione e il prezzo di mercato e garantisce a produttori di elettricità da fonti rinnovabili un introito corrispondente al costo di produzione. La RIC si applica alle seguenti tecnologie: energia idroelettrica (fino a 10 MW), fotovoltaica, energia eolica, geotermia, energia da biomassa e da rifiuti di biomassa. Il fondo con cui viene finanziata la RIC è alimentato da tutti i consumatori di energia elettrica, attraverso una tassa su ogni kilowattora consumato.

 

Energia sovvenzionata con la RIC nel 2010:  0,9%

(di cui: 51,6% energia idroelettrica, 4,2% energia fotovoltaica, 2,6% energia eolica, 41,6% energia da biomassa e da rifiuti di biomassa, 0% geotermia)

 

Energia sovvenzionata con la RIC nel 2011: 1,3%

(di cui: 51,1% energia idroelettrica, 4,7% energia fotovoltaica, 6,2% energia eolica, 38,0% energia da biomassa e da rifiuti di biomassa, 0% geotermia)

 

Energia sovvenzionata con la RIC nel 2012: 2,0%

(di cui: 49,3% energia idroelettrica, 7,6% energia fotovoltaica, 4,2% energia eolica, 38,9% energia da biomassa e da rifiuti di biomassa, 0% geotermia)

 

Energia sovvenzionata con la RIC nel 2013: 2,4%

(di cui: 44,5% energia idroelettrica, 10,0% energia fotovoltaica, 3,7% energia eolica, 41,8% energia da biomassa e da rifiuti di biomassa, 0% geotermia)

 

Energia sovvenzionata con la RIC nel 2014: 3,0%

(di cui: 45,9% energia idroelettrica, 12,8% energia fotovoltaica, 3,2% energia eolica, 38,1% energia da biomassa e da rifiuti di biomassa, 0% geotermia)

 

Energia sovvenzionata con la RIC nel 2015: 3,5%

(di cui: 45,3% energia idroelettrica, 20,0% energia fotovoltaica, 3,2% energia eolica, 31,5% energia da biomassa e da rifiuti di biomassa, 0% geotermia)

 

Energia sovvenzionata con la RIC nel 2016: 4,6%

(di cui: 44,3% energia idroelettrica, 17,0% energia fotovoltaica, 2,8% energia eolica, 35,9% energia da biomassa e da rifiuti di biomassa, 0% geotermia)

 

Torna su

 

Sicurezza di approvvigionamento

Qualità dell’approvvigionamento elettrico ininterrotto. In senso tecnico si intende l’assenza di interruzioni di corrente. Per fini statistici sono state realizzate norme relative alle interruzioni di corrente, grazie alle quali si può contraddistinguere una rete con sicurezza di approvvigionamento.

Torna su

 

Terawattora (TWh)

1 terawattora (TWh) = 1000 gigawattora (GWh) = 1 000 000 megawattora (MWh) = 1 000 000 000 (1 miliardo) kilowattora (kWh)

Torna su